“Una scommessa per sempre” di Emma Hart

Trama:

Megan e Aston non potrebbero essere più diversi e in pubblico bisticciano come cane e gatto: lei è la classica studentessa perfetta con il naso sempre affondato tra le pagine di un romanzo; lui è uno di quelli che cambia ragazza ogni sera e pensa solo a sé. Ma c’è qualcosa di potente che li attrae l’uno verso l’altra, e basta una notte, un bacio rubato, per sconvolgere le loro vite.
Eppure Aston non avrebbe mai voluto avvicinarsi così tanto a lei. Perseguitato da un’infanzia difficile, da demoni che si rifiuta di affrontare, sa che è l’unica che potrebbe strappargli quella maschera di indifferenza che ha deciso di indossare per proteggersi dal dolore. Megan invece teme che, stando insieme ad Aston, Braden, il loro migliore amico, da sempre iperprotettivo nei suoi confronti, possa sentirsi tradito. Però il loro amore è ogni giorno più intenso, più forte delle paure, dei dubbi e degli incubi che affollano le notti di Aston. È arrivato per loro il momento di mettersi in gioco: devono scegliere se mantenere segreta la loro storia o rivelarsi al mondo. Devono scommettere su loro stessi. Perché chi scommette sull’amore non perde mai.

 

Recensione:

~Megan
“Ecco perchè ho bisogno di te. Anche nel buio totale, riusciresti ad aprire una breccia con la tua luce”.
“Tu hai bisogno del mio amore, non di me. Io sono solo la persona che può dartelo. Sì, sono la tua luce, ma se tu non lo vorrai non riuscirò mai ad allontanare l’oscurità con le mie sole forze. Io ti aiuto e basta.”
Lui scuote la testa, ma io insisto.
“Sei tu a permettermi di illuminare il buio che c’è in te.”
“Non capisco.”
“Cosa?”
“Come fai ad amarmi?”
“L’amore non ha logica. L’amore è. Proprio come noi: noi siamo. E basta.”

Megan e Aston li conosciamo bene grazie a “Scommettiamo che ti faccio innamorare?“: sono due persone molto diverse e quando si incontrano non fanno altre che bisticciare; ma dietro questa facciata si nasconde una forte attrazione che tutti e due tentano di tenere segreta per non rovinare la loro amicizia con Braden.

~Megan
Un ragazzo che vorrei c’è, ma per lui provo sentimenti contrastanti, un po’ come Elizabeth per il signor Darcy in “Orgoglio e pregiudizio”: amore e odio.

Per fortuna, traspare soltanto l’odio. E il fatto che ogni volta che vedo Aston Banks sento svolazzare nello stomaco tante farfalle impazzite resterà un segreto che non condividerò mai con nessuno.

Oltre a un iperprotettivo Braden, Aston deve fare anche i conti con se stesso, con i demoni del suo passato che gli fanno credere di essere una nullità e di non meritarsi una ragazza come Megan.

~Aston
Off limits. Per me Megan Harper è off limits. Non potrà mai essere mia, l’ho capito dal primo momento che l’ho vista.

Nonostante i loro buoni propositi, basta un bacio rubato durante una festa per mandare tutto all’aria e non riusciranno più a stare lontani l’uno dall’altra.

~Aston
Ho l’impressione di aver fatto una cazzata ma anche la cosa migliore che potevo fare.

Megan è pericolosa. E’ l’unica ragazza di tutto il college, anzi, di tutto lo Stato, che potrebbe strapparmi questa maschera da menefreghista e mettermi completamente a nudo. E’ l’unica che potrebbe farmi provare di nuovo qualcosa, che potrebbe ridurre in frammenti ancora più piccoli i pezzi della mia vita che ho cercato faticosamente di rimettere insieme.
Avrei dovuto tenermi alla larga da lei. E adesso che mi ha baciato, conosco il sapore della sua bocca, delle sue labbra, la sensazione delle sue mani tra i capelli.

La loro storia prosegue all’oscuro dei loro amici, l’attrazione iniziale diventa qualcosa di più profondo: Megan si rende conto che dietro la facciata da strafottente di Aston c’è molto di più e Aston, da parte sua, apre quel cassetto dei ricordi che ha sempre tenuto nascosto dentro di sé e che gli permetterà di mostrare il vero se stesso a Megan e al mondo intero.

~Megan
Di nuovo mi ritrovo coinvolta in un gioco. Prima in quello di Maddie e Braden, e ora nel mio. E’ un gioco con regole proprie, complicate ma che si possono violare facilmente e in cui i giocatori possono vincere o perdere tutto. Il premio in palio è sempre lo stesso: il più ambito, quella cosa che desideriamo tutti e che cerchiamo di ottenere senza curarci delle sofferenze altrui. L’unica cosa che i soldi non potranno mai comprare.
L’amore.

~Aston
[..] I miei sentimenti mi stanno sfuggendo di mano. Crescono insieme al bisogno che ho di lei, più forti di quanto dovrebbero. E’ quasi una dipendenza.
Lei dà dipendenza. Il profumo di vaniglia dei suoi capelli, la luce nei suoi occhi, il suo sorriso radioso, la sua pelle morbida.. ogni parte di lei.
E poi mi vede per quello che sono. Non vede […] il bastardo arrogante concentrato solo su stesso. Oppure sì, ma vede anche ciò che si nasconde sotto. Vede me, il ragazzo che nessuno ha mai voluto vedere.
Il ragazzo sbagliato, problematico, incasinato.


Lo stile di Emma Hart è sempre semplice e scorrevole; la narrazione è in prima persona, alternata tra i due protagonisti – una scelta che, come sapete, amo moltissimo.

Mi piace come abbia reso un po’ più profondo questo romanzo. La caratterizzazione è dettagliata, seppur mantenga un tono quasi superficiale: senza appesantire la storia d’amore, è comunque abbastanza per capire quanto sia profondo il dolore di Aston e quanto Megan rappresenti per lui la vera salvezza.

Inoltre, la presenza di una figura come il nonno, per lui come un vero padre, è bellissima e forse per Aston è il momento di capire che non sempre i ricordi sono negativi, ma possono portare anche a cose più belle.

~Aston
“Oggi è un giorno dedicato al ricordo, anche se non vuoi.”

“Davvero credi che non pensi mai a lei? Credi che non sia perseguitato tutti i giorni dalle immagini del passato? Io non vorrei, ma non ci posso fare niente.”
“Ricordare è un bene” insiste lui, spegnendo il sigaro nel posacenere. “Se si vuole capire dove si è arrivati, è importante ricordare da dove si è partiti.”


Ho trovato davvero assurdo che i due protagonisti abbiano sentito il bisogno di nascondere la loro storia ai propri amici, soprattutto al “cavernicolo” Braden ma.. “tutto è bene ciò che finisce bene”.
Ora è il momento per Maggie di trovare il suo Mr. Darcy e per Aston di trovare una luce in fondo a quel tunnel buio e freddo che sono stati i primi anni della sua vita.


Con questo romanzo, Emma Hart mi ha conquistato ancora una volta: una storia dolce e coinvolgente! Lo consiglio a tutti gli amanti del genere New Adult e, ovviamente, a coloro che hanno già conosciuto il fantastico gruppo di amici che fa da sfondo alla storia di Maddie e Braden!

 

~Megan
“La vita è mia, ma il mio cuore è tuo.”

E’ sempre stato il mio Darcy. E io sono sempre stata la sua Elizabeth.

 

☆☆