Recensione: Ti amo ma niente di serio di Anna Chiatto

 

Trama:

Emma non crede nell’amore. Forse perché in passato si è preso gioco di lei più di una volta e l’ha convinta a non cadere mai più nelle sue spire. Decisa a fare carriera, l’unica cosa che conta davvero, ha pensato di trasformare la sua visione cinica e razionale dei sentimenti in un punto di forza e, soprattutto, in una professione: la wedding planner.
Certo l’apprendistato non è stato facile, alle dipendenze di un pazzo affetto da manie di grandezza che con l’intento di “formarla” le ha fatto pagare bollette, ritirare i vestiti in tintoria, comprare sonniferi nel cuore della notte e assecondare ogni bisogno di Fru e Fru, i suoi deliziosi chihuahua. Ma ora che Emma si è messa in proprio, il sogno sembra quasi divenuto realtà. Lavora senza sosta, esaudendo i desideri delle spose con le richieste più svariate: dal matrimonio medievale a quello vegano, dall’armatura alle slitte trainate da cavalli sulla sabbia, il tutto condito da un’unica, immancabile e falsissima frase: “Vorrei che fosse una cosa semplice”.
Emma, però, non ha calcolato che nella sua vita apparentemente perfetta e priva di coinvolgimenti emotivi possa arrivare un uomo misterioso e irresistibile, capace di far desistere il suo fervente credo anti-amore. E forse, per una volta, sarà lei a dover dire qualche sì.

 

Recensione:

❤❤❤❤

Un viaggio. Ecco cos’è quella roba che chiamano amore. Non uno di quelli che organizzi nei dettagli, in anticipo e calcolando le condizioni del meteo della parte del mondo dove vuoi arrivare.
La fregatura è che non decidi niente, scegli, se ti va bene, il compagno, poi da lì in poi è un’incognita. Hai a disposizione solo la formula “roulette”: paghi la caparra e fino all’ultimo  non sai quando comincerà e dove ti manderanno. Nessun rimborso del biglietto se non sei soddisfatto.
Sai solo che stai partendo per l’inesplorato con il cuore gonfio di speranza. Controlli se hai chiuso il gas, se hai preso il passaporto, se hai messo l’avviso automatico alle mail, fai il segno della croce e vai.


Emma è una delle migliori wedding planner sulla piazza, ha solo bisogno di farlo sapere al mondo!

Dopo anni alle dipendenze di un capo che si sarebbe mangiato Miranda Priestley in persona, finalmente si è messa in proprio e tra un matrimonio e l’altro aggiorna il suo blog con consigli e aneddoti divertenti.

E’ durante un matrimonio a tema medievale che incontra per la prima volta un uomo misterioso con cui scambia poche parole e che poi sparisce nel nulla.
Quando si scontreranno ancora, Emma non può fare a meno di pensare che sia un sadico Cupido a incasinarle la vita!

Sapete perchè faccio bene il mio lavoro? Perchè non credo nell’amore. O meglio nelle favole.
Sono cinica nel cuore e romantica nella testa.
Le favole succedono solo nei film. E, come in una perfetta messa in scena, io faccio recitare ai protagonisti la loro parte migliore, scelgo i luoghi e i costumi, scrivo il copione e giro il giorno più bello della loro vita.
[..] Io sono perfetta nell’organizzare la vita altrui. Sono adatta a gestire l’amore degli altri. Un mentore insuperabile quando si tratta di consigliare.
Se si tratta di me, faccio dei gran casini.

 

Anna Chiatto con uno stile frizzante e scorrevole, ci porta attraverso la complicata vita di una wedding planner! E che vita! Tra cavalli, armature, torte, location esclusive ci sarà davvero da ridere!

Emma è la tipica stacanovista: ama il suo lavoro, lo fa bene ed è sempre disponibile a esaudire ogni desiderio dei suoi clienti.. anche di quelli più pazzi!
Sa che l’amore esiste, ma non crede nelle favole – men che meno che possa capitare qualcosa proprio a lei. Ed è per questo che le fondamenta su cui ha creato la sua scalata al successo tremeranno alla vista di questo misterioso e sexy straniero.

Ma sono felice: io preferisco avere l’agenda impegnata che il cuore.

 

Ti amo ma niente di serio” è un romanzo spumeggiante, divertente, comico e romantico.

E’ stata una bella lettura e la consiglio a tutte coloro che amano l’amore ma non vogliono prendersi troppo sul serio: Emma vi piacerà!