Recensione: Obsidian di Jennifer L. Armentrout

Trama:

Fissavo gli scatoloni impilati nella mia nuova stanza e desideravo tanto avere già il collegamento a internet. Da quando ci eravamo trasferite, non ero più riuscita a scrivere niente sul mio blog e mi sentivo come se mi avessero tagliato un braccio o una gamba.

Mia mamma sosteneva che «Katy e i suoi libri» fosse tutta la mia vita. Non era proprio così, ma aveva comunque la sua importanza. Cosa poteva saperne lei, del resto? Non amava leggere quanto me.
Sospirai. Eravamo arrivate da due giorni e la casa era ancora piena di scatoloni. Odiavo trovarmeli fra i piedi. Almeno quanto odiavo essere qui.

Kathy è una blogger diciassettenne con un grande sense of humour, si è appena trasferita in un paesino soporifero del West Virginia, rassegnandosi a una noiosa vita di provincia, noiosa finché non incrocia gli occhi verdissimi e il fisico da urlo del suo giovane vicino di casa. Daemon Black è la quintessenza della perfezione. Poi quell’incredibile visione apre bocca: arrogante, insopportabile, testardo e antipatico. Fra i due è odio a prima vista. Ma mentre subiscono un’inspiegabile aggressione, Daemon difende Kathy bloccando il tempo con un flusso sprigionato dalle sue mani. Sì, il ragazzo della porta accanto è un alieno. Un alieno bellissimo invischiato in una faida galattica, e ora anche Kathy, senza volerlo, c’è dentro fino al collo. Salvandola, l’ha marchiata con un’aura di energia riconoscibile dai nemici che li hanno aggrediti per rubare i poteri di Daemon. L’unico modo per attenuare questo pericoloso marchio è che Kathy stia più vicina possibile a Daemon. Sempre che lei non lo uccida prima.

 

Recensione:

❤️❤️❤️❤️❤️

Mentre si chinava, un ciuffo di capelli gli ricadde sulla fronte e mi rivolse un sorriso bellissimo che gli illuminò il volto. Mi accarezzava il viso con la testa piegata di lato e non potei fare a meno di ripensare a ciò che avevo provato quando le sue labbra avevano sfiorato le mie. In quel momento mi baciò con una tenerezza incredibile, conquistandomi nel profondo e facendomi battere forte il cuore. Mi stringeva, accarezzandomi la testa ed esplorando le mie labbra come se fosse la prima volta che ci baciavamo. Fu un bacio innocente, intimo. Un vero bacio.

Katy è una giovane blogger letteraria, si trasferisce dalla Florida in un piccolo paesino: un luogo in cui lei e sua madre possono ricominciare dopo la morte di suo padre, causa ancora di sofferenza nonostante siano passati quasi tre anni.

E’ una ragazza semplice e timida, dedica molto tempo al suo blog “Katy e i suoi libri” e la madre non smette di farglielo notare. E’ cosi che si decide a farse visita ai vicini con una scusa, ma quando ad aprire la porta comparirà Daemon sarà difficile per Katy proferire parola.

Quel ragazzo aveva addominali pazzeschi. Perfetti. Di quelli che ti fanno venire voglia di allungare una mano. Non me lo sarei aspettata da un ragazzo di diciassette anni, ovvero l’età che credevo avesse, ma non osavo lamentarmi. Né parlare. Guardavo e basta.

Quando finalmente riuscii a sollevare lo sguardo, vidi un paio di zigomi alti e, nascosti da ciglia lunghe e folte, due occhi che mi fissavano. “Si?” Le labbra piene, da baciare, s’incresparono in una smorfia d’impazienza.

 

Il bel Daemon ha un gran caratteraccio, ma la remissiva Katy cercherà di non farsi mettere i piedi in testa e ne vedremo delle belle sin dal loro primo incontro.

“E’ stato proprio un incontro interessante. Ne serberò a lungo il ricordo.” Okay. Basta così. “Sai una cosa? Hai ragione. Non sei un coglione.” Sorrisi educatamente. “Sei proprio una testa di cazzo.”

“Testa di cazzo” ripeté lui. “Affascinante.”

 Sollevai il dito medio.

Lui rise di nuovo e chinò un po’ la testa. Una cascata di boccoli gli ricadde sulla fronte oscurando per un attimo il verde dei suoi occhi. “Che eleganza, Kitty. Chissà quante parole dolci e gesti simpatici avresti in serbo per me, ma purtroppo non sono interessato.”

 Nonostante l’antipatia che scorre tra di loro, Katy farà presto amicizia con la sorella gemella di Daemon, Dee e, con grande disapprovazione del fratello, diventeranno inseparabili!

Manca poco all’inizio della scuola, Dee le gira sempre intorno e Daemon fa di tutto per tenerle lontane e risultare antipatico.

Kathy, però, inizia a notare stranezze una dopo l’altra, sguardi incuriositi e allo stesso tempo impauriti; chi avrebbe mai immaginato che un paesino del West Virginia nascondesse tutti questi misteri?

La nostra blogger non lo vuole ammettere né con se stessa né con nessun altro, ma in fondo Daemon le piace e anche molto.

“Cosa?” chiesi piano. “Mi piace quando arrossisci.” La sua voce era poco più che un sussurro mentre col pollice mi accarezzava la guancia. Chinò la testa e accostò la fronte alla mia. Restammo lì seduti così, spiazzati da un sentimento che prima non c’era. Dimenticai quasi di respirare. Il mio cuore inciampò poi s’immobilizzò, nell’attesa che l’impossibile accadesse. Lui non mi piaceva.. e io non piacevo a lui. Tutto questo era assurdo, eppure stava accadendo davvero.

Un giorno dopo l’ennesima litigata con il gemello cattivo di Dee, Katy sta per essere investita da un camion, Daemon la salva e si ritrova costretto a rivelare il suo segreto.

Daemon mi guardò serio. “Vengo da un altro mondo.” Ma dai?! “Cosa sei? Un vampiro?”

Lui alzò gli occhi al cielo. “Stai scherzando?”

“Perché?” sbottai. “Se non sei umano, allora restano poche opzioni. E poi.. hai fermato un furgone senza neanche toccarlo!”

“Tu leggi troppo” disse Daemon, esasperato. “Non sono un vampiro, né un lupo mannaro, né uno zombi..”

“Meno male, ci tengo a quel poco di cervello che mi rimane” borbottai. “E non è vero che leggo troppo. Non mi verrai a dire che sei un.. alieno? Gli alieni non esistono.”

Daemon si sporse rapidamente in avanti e mi posò una mano sul ginocchio. M’immobilizzai. I suoi occhi mi fecero loro prigioniera. “Credi davvero che la Terra sia l’unico pianeta in cui si è sviluppata la vita in questo universo infinito?”

La verità è stata svelata: Dee, Daemon e i tre gemelli Thompson sono alieni che provengono da un lontanissimo pianeta e vivono sulla Terra da diversi anni. Restano nascosti agli occhi degli umani  e degli Arum: esseri malvagi, fatti di oscurità che, dopo aver distrutto il loro mondo, li hanno inseguiti anche sul nuovo pianeta.

Ora finalmente Katy capisce diverse cose, tra cui anche i strani comportamenti di Daemon, preoccupato che lei possa portarli allo scoperto o, peggio ancora, che li possano trovare gli Arum.

L’amicizia tra lei e Dee prosegue e giunge a un buon equilibrio, frammentato dai battibecchi tra Daemon e Katy.

Ho dato un’occhiata al tuo blog. Oh – Madre – Santissima. L’aveva cercato? E, cosa ancora più incredibile, l’avevo trovato?! Era googleabile?Che figata pazzesca! Cos’è, adesso ti metti a spiarmi?Nei tuoi sogni, Kitty.” Poi sorrise, compiaciuto. Ah, dimenticavo, di quelli sono già il protagonista.

Incubi, Daemon, incubi.

 

La narrazione è in prima persona: ovviamente il punto di vista è quello della protagonista femminile. Viene naturale immedesimarsi nel ruolo di Katy e sospirare per il bel Daemon,  ma spero di scoprire molto di più sulla sua personalità nei libri futuri!

Jennifer Armentrout ha saputo scrivere un testo semplice, scorrevole e diretto.

Questo libro è stata una piacevolissima lettura, divertente, intrigante e piena di azione. Per coloro che amano il genere young adult, deve essere al primo posto!