“Mortdecai” di Kyril Bonfiglioli

10 FEBBRAIO

Charlie Mortdecai un mercante d’arte “dissoluto e immorale” di nobilissime origini che – pi che altro per non pensare a quanta poca raffinatezza ci sia oggigiorno l fuori – si diverte a vivere disonestamente. Amante della vita pericolosa, delle letture os e di svariati tipi di liquori, non pu fare a meno del suo maggiordomo-sgherro, Jock, che si delizia a eliminare eventuali scocciatori col suo tirapugni di ottone, ma sa anche preparare a Charlie gustose colazioni annaffiate di brandy. Di tanto in tanto, Mortdecai ha qualche cliente milionario che gli chiede di procurargli questo o quel quadro di valore… Stavolta, si tratta della “Duchessa di Wellington” di Goya, che fino a poco prima se ne stava beatamente appesa al Prado di Madrid. Le cose si complicano quando il mandante, certo Milton Krampf, multimiliardario americano sposato con la bionda e vogliosa Johanna, ha la brillante idea di morire… Riuscir Mortdecai, insieme al fedele Jock, a sfuggire ai servizi segreti di almeno due o tre Paesi, e soprattutto al suo temibile nemico, nonch vecchio compagno di scuola, il poliziotto Martland – un uomo davvero poco elegante, che non sa distinguere un porto da un whisky ben invecchiato?

Pagine 266
Euro 16,50