Recensione: Mentre fuori nevica di Sarah Morgan

Trama:

Kayla Green odia il Natale. Farebbe qualsiasi cosa per evitarlo del tutto, così, quando le si presenta l’occasione di lavorare durante le vacanze, la coglie al volo. Kayla è un mostro sacro delle pubbliche relazioni, e ora dovrà occuparsi di una struttura alberghiera di lusso in montagna. Perfetto! Quello che non sa è che l’impresa del suo cliente, Jackson O’Neil, è a conduzione familiare, che lì tra montagne innevate e addobbi di stagione il Natale è più presente che mai, e che l’atmosfera è calda, accogliente e decisamente festiva. Inoltre, a rendere più coinvolgente e inebriante il suo soggiorno tra i monti ci si mette pure questa intensa e fastidiosa attrazione per Jackson. Un’attrazione che la porterà chissà dove. Ma certo non a letto con lui. O sì?

 

Recensione:

❤️❤️❤️❤️❤️

“Lo è, ma questo è sempre stato il mio periodo preferito dell’anno. Non solo l’inverno, il Natale. Da bambino venivo qui con il nonno. Tiravamo la slitta e sceglievamo un albero per il lodge. Non capivo perchè la gente volesse tagliarli e metterli fra quattro pareti. Non capivo perchè la gente spruzzasse d’argento le pigne e le sistemasse in una ciotola al centro del tavolo con grandi palle rosse. Un albero deve stare nella foresta. Per me il Natale era venire qui con il nonno. Non erano le decorazioni, le luci o il tacchino. Era tutto quello che si trova qui.”

Le sue parole le fecerero bruciare gli occhi. “Questo è reale. Il resto è solo un’illusione.”

“E’ arrivato il momento che tu abbia dei nuovi ricordi del Natale, Kayla.” La voce era dolce e gentile, come la neve che cadeva intorno a loro. “Li creeremo insieme, così avrai qualcosa di bello da portarti via. E’ il mio regalo per te. Buon Natale.”


Kayla Green odia il Natale: le luci, le canzoni, gli addobbi, l’atmosfera.. L’amore che si respira. Questo periodo dell’anno è il più difficile per lei, le tornano in mente ricordi che ha nascosto nel profondo della sua anima e che fanno ancora male; è una persona sola e il Natale, con tutto ciò che rappresenta, evidenzia ancora di più la sua solitudine.

Era l’unica a odiare quel periodo dell’anno? Doveva pur esserci qualcun altro là fuori che la pensava come lei. Qualcuno che non si aspettava che il Natale fosse felice e gioioso.

Qualcuno che sapeva che il vischio è velenoso.

Kayla lavora per una grossa agenzia, è una donna di successo a un passo dalla promozione, butta anima e corpo in ciò che fa, con passione e determinazionem, e ormai nel campo delle pubbliche relazioni è famosa; per questo Jackson O’Neil vuole solo lei.

Jackson è un uomo d’affari che ha liquidato le sue società in Europa per dedicarsi all’impresa di famiglia tra le montagne del Vermont. Dopo la scomparsa del padre, morto diciotto mesi prima, è tornato a casa e ha trovato lo Snow Cristal a un passo dal fallimento. Nonostante, il nonno Walter remi contro ogni novità, Jackson si rimbocca le maniche e tenta il tutto e per tutto per portare a nuovo splendore l’impresa: chalet in mezzo alla foreste, corse in slitta al chiaro di luna, ristoranti rinomati e lezioni di sci dai migliori maestri; quello che manca è far conoscere la località al mondo esterno e qui entra in gioco Kayla.

Per il direttore dell’azienda, Brett, questo è un contratto importantissimo che porterà molti soldi all’azienda, per Kayla è anche una via di fuga che le si presenta nel momento migliore dell’anno: quando sarebbe mai ricapitata l’occasione di nascondersi tra le montagne innevate, nella pace della foresta senza alcun addobbo di Natale, musiche, luci e persone felici?
Ma Snow Cristal sarà una grossa sorpresa per lei..

Era andata lì per evitare il Natale e le famiglie e all’improvviso si era ritrovata in mezzo a entrambi. Gli O’Neil non erano una famiglia come le altre. Erano legati a filo più doppio di qualunque cosa nonna Alice potesse creare con i suoi ferri e i suoi gomitoli di lana. Fin dall’istante in cui aveva messo piede in quella cucina calorosa e accogliente, aveva capito di essere nei guai.

[..] A casa degli O’Neil invece tutto era personale. Era un posto che avevano creato insieme. Un posto costruito sulle fondamenta di un migliaio di ricordi preziosi e speciali, ricordi che erano stati immortalati e messi orgogliosamente in bella mostra perchè tutti li vedessero. Quell’allegro catalogo di momenti familiari aveva scardinato la sua cassaforte di segreti e le aveva reso impossibile raccogliere le idee.

Il muro di solitudine che Kayla si è costruita intorno al cuore crollerà sotto l’assalto degli abbracci, delle risate, del calore e della magia di Snow Cristal e della famiglia O’Neil.

“L’unico posto da cui non si possono rassegnare le dimissioni è la propria famiglia.”

Oh, sì che si può. Lei lo sapeva per certo. E saperlo creò la distanza che aveva cercato disperatamente. Lei e Jackson erano ai due lati opposti di un enorme abisso. Quell’uomo, avvolto nella grande e calda coperta dell’amore degli O’Neil, non aveva idea di che cosa significasse tremare al freddo da soli.

[….] La famiglia era una sorta di cuscino, pensò Kayla. Qualcosa di morbido che ti protegge dai colpi della vita. Non puoi evitare che i colpi arrivino, ma se c’è qualcuno con te che ti vuole bene, fanno meno male. [..] Kayla aveva un nodo alla gola. Era andata lì per scappare dal Natale e ci si era ritrovata dentro fino al collo. La famiglia O’Neil le aveva fatto da cuscino contro i vecchi lividi.


Ogni tanto capita di trovare un libro che ha tutte le caratteristiche per piacerti, lo “senti”, avverti dentro di te che te ne innamorerai; non succede spesso, ma quando accade.. è una lettura magica. Questo è successo con “Mentre fuori nevica“.

Lo stile è fluido e semplice, la narrazione è in terza persona e l’autrice sposta la sua attenzione da Kayla a Jackson, dando anche spazio a piccole scene di vita che aiutano ad accogliere il lettore nel mondo di Snow Cristal.

I personaggi principali sono ben caratterizzati. Kayla è una donna molto sola, non si diverte, non si lascia andare in nessun caso perchè ha paura dei sentimenti, ha paura di rischiare e di essere ancora rifiutata come la famiglia che l’ha abbandonata. Jackson, invece, è un uomo bello e determinato: sa cosa vuole e non si lascia fermare dagli ostali. Ha dimostrato a sè stesso ciò di cui è capace e ora non ha nessuna intenzione di veder fallire l’impresa che ha costruito il suo bisnonno. Per gli O’Neil la famiglia è tutto e Jackson non vuole deluderli, per questo assume la migliore e porta Kayla con sè a Snow Cristal.. senza prevedere che l’attrazione che prova per questa donna così seria e distaccata sfocerà in qualcosa di molto più pericoloso e rischioso delle piste nere sui cui ha sciato con i suoi fratelli.

L’ambientazione è un altro dei punti forti del romanzo: le montagne innevate, la cascata ghiacciata, il silenzio della foresta.. tutto è ben descritto ed è la giusta cornice che delinea le vicende di Kayla e della famiglia O’Neil.

 

Mentre fuori nevica” è un romanzo che parla di amore, famiglia e Natale. Lo consiglio a chi ha ancora voglia di sognare, a coloro che, anche se non credono molto nel Natale, vogliono immergersi in un’altra atmosfera, fuggire da ciò che hanno per ritrovarsi nella calda e accogliente cucina di Elizabeth O’Neil con l’inconfondibile odore di biscotti appena sfornati.

“Fatti? Non si tratta di fatti, tesoro. E’ questione di sentimenti. Un sentimento qui dentro.” Si portò il pugno al petto. “Che ti trascina via e ti toglie il fiato e tu sai che qualunque cosa succederà in futuro, ti ricorderai di quel momento per sempre. Sarà sempre lì, vivo dentro di te, e nessuno potrà portartelo via.”