“La tana del Bianconiglio” di Facchinetti Francesco

31 MARZO

Come ogni grande metropoli, Milano ha un punto dove convergono tutte le sue contraddizioni. E l, invece di respingersi, si fondono. Un luogo che si compone delle vite di tutti quelli che ci passano attraverso, magari solo per pochi minuti, e non si accorgono di cedere un po della propria individualit per entrare a far parte di unentit pi grande di loro che impasta, tritura, frulla e metabolizza prostitute, barboni, milionari, suore, assassini, bambini, sognatori e disperati in un unico, grande fluido. Questo luogo, a Milano, si chiama Parco Sempione. in questo centro pulsante che quella mattina Giovanni Mandelli stava facendo jogging, prima di andare al lavoro (…) Correva e guardava la strada davanti a s, quando improvvisamente volt un istante lo sguardo verso gli alberi. Un caso, solo un caso. Questo and ripetendosi negli anni successivi, e di questo alla fi ne si convinse. Vide qualcosa. Vide quella cosa. (…) E poi furono i poliziotti, gli investigatori, il nastro per delimitare la scena, le fotografi e della scientifica, i reporter, la massa dei curiosi. E le domande. E poi lautopsia. Ipnotico, profondo, decisamente sorprendente. Il thriller di Francesco Facchinetti colora di luce nero tenebra un luogo familiare che non guarderemo pi con gli stessi occhi.

Pagine 180
Euro 17,00