In libreria: 29 Novembre

29 NOVEMBRE

Nel paese della Gattafata di Orsola Nemi

Una delicata storia che parla di Re Magi e desideri, vecchiette solitarie e gattini che scompaiono dentro un quadro.

Se sei una vecchina sola, vai a mangiarti un panino in latteria e incontri tre strani signori, e riconosci che sono i Magi, può capitare che ti concedano di esaudire un desiderio. Magari non vuoi altro che ricordare la bellezza della tua infanzia, e allora quei tre signori ti porteranno in una casetta piena di bambole, orsacchiotti e pupazzi. Ma se poi ti infili dentro un quadro per recuperare il micetto della gatta Caterina che è sparito là dentro, devi sapere che forse corri il rischio di non tornare mai più. O di finire in un paese lontano, dove regna la grande gatta maga Marfisa e i venti soffiano così forte da svegliare anche la Bella Addormentata. E da qualche parte c’è anche Gesù Bambino, se stai molto attento.

Una storia incantevole in cui si intrecciano con grazia miti e narrazioni diverse.

“Che Orsola sia nata col talento, la vocazione della favola, fu chiaro fin dal ’40, quando Bompiani le ebbe stampato quel Rococò, più favola che romanzo. (…) La lingua infatti è una delle più asciutte e limpide che oggi sia dato leggere, una lingua, appunto, da favola classica.” Anna Banti

Pagine 112
Euro 11,00

~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~

Lettere ad Alice che legge Jane Austen per la prima volta di Fay Weldon

“Nessuno brucia Emma. Nessuno oserebbe. C’è troppo, concentrato lì: troppa storia, troppo rispetto, troppo dell’autentica essenza della civiltà.”

Siamo nel 1984. Alice è una studentessa inglese di diciotto anni; da grande vorrebbe fare la scrittrice, ma sta attraversando una fase punk con tanto di puntuta chioma verde. E i programmi scolastici che impongono la lettura dei romanzi di Jane Austen la trovano fredda, se non ribelle.Sua zia Fay le scrive così una serie di lettere, ravvivando la tradizione epistolare ormai desueta, per spiegarle le ragioni che rendono questa lettura non solo consigliabile, ma imperdibile, a diciotto anni in particolare. Nell’eco delle lettere indirizzate da Jane Austen stessa alla nipote, un messaggio di fede nell’arte della scrittura e nella capacità che i grandi romanzi hanno di parlare a tutti, sempre.

“Un approccio spiritoso eppure reverente agli atti profondi dell’immaginazione di chi scrive come di chi legge.” The Guardian

Pagine 192
Euro 13,00

Traduzione: Beatrice Masini

~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~

Non so perchè non ho fatto il pittore di Alberto Moravia

“La compagnia dei pittori mi piace per lo stesso motivo per cui preferisco la pittura alla letteratura. Il pittore è sempre artista, lo scrittore solo qualche volta.”

Alberto Moravia ha sempre dichiarato di preferire la pittura alla letteratura perché fatta di “colori e di forme” e non di un continuo “battagliare con le parole”. Per questo motivo si circonda di artisti e per tutta la vita si dedica all’arte, come appassionato e come scrittore. Questo volume raccoglie per la prima volta la copiosa e pregevole produzione di argomento artistico: novanta testi sinora dispersi, scritti tra il 1934 e il 1990, testimoniano l’interesse che Moravia ha sempre coltivato tanto per i classici quanto per i contemporanei e il suo sguardo acuto nei confronti dell’arte, attraverso cui parlare anche di letteratura e del mondo. L’introduzione di Alessandra Grandelis ricostruisce la formazione artistica di Moravia, i suoi legami, rievoca gli ambienti frequentati da pittori e scrittori e svela le costanti critiche e tematiche di questo saggismo da considerarsi parte integrante dell’opera. La raccolta è accompagnata da un apparato iconografico che propone una scelta delle opere prese in esame e alcune fotografie che illustrano il rapporto di Moravia con gli artisti.

TUTTI GLI SCRITTI MORAVIANI SULL’ARTE RACCOLTI PER LA PRIMA VOLTA IN UN UNICO VOLUME.

Pagine 528
Euro 35,00

A cura di Alessandro Grandelis

~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~

Voci di scrittori arabi di ieri e di oggi a cura di Isabella Camera d’Afflitto

“Quest’opera vuole gettare una luce su quel grande mosaico di paesi che è il mondo arabo, nella speranza che la conoscenza della cultura degli altri, anche attraverso la novellistica, sia oggi un ulteriore tassello per una convivenza pacifica nel nostro mondo.”

Quando si pensa ai racconti provenienti dall’area dei paesi arabi viene subito alla mente Le mille e una notte. Molto meno nota per i lettori italiani è la produzione letteraria contemporanea, assolutamente ricca e interessante, fondamentale per comprendere una realtà percepita come lontana. Una lacuna che questo volume si propone di colmare fornendo una panoramica sulla letteratura araba del Novecento attraverso le voci dei suoi autori più significativi: originari del Nord Africa e del Vicino Oriente, sono esponenti che appartengono a generazioni diverse della cultura laica, islamica o cristiana. Maestri del racconto, alcuni di questi scrittori sono stati tradotti in Italia, come l’egiziano Nagìb Mahfùz, premio Nobel per la letteratura, la siriana Ghada Sammàn e il palestinese Ghassàn Kanafani; ma i più sono invece ancora da scoprire e da conoscere. I trentacinque racconti brevi qui pubblicati – veri e propri classici del genere – affrontano con stili molto diversi una molteplicità di temi: dalla spiritualità alla tradizione, dal rapporto tra sessi alla miseria, ai tentativi di una coesistenza interetnica, all’esilio. Ma anche argomenti moderni e originali come l’enigma della psiche umana, il disagio mentale e l’alienazione. Una lettura quanto mai necessaria per capire un mondo sempre più vicino a noi.

Il secondo volume sarà pubblicato nel 2018 con il titolo Voci di scrittori arabi di oggi e domani.

Pagine 326
Euro 15,00

~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~

Viaggi ad alta voce di Fernanda Pivano

Giappone, Papua e le isole dei Mari del Sud, India, Nepal, Spagna, Tunisia, Marocco. E gli Stati Uniti, naturalmente. Sono solo alcuni dei viaggi che Fernanda Pivano ha compiuto tra il 1968 e il 1979, spesso in compagnia del marito Ettore Sottsass. Questo libro nasce dal ritrovamento nell’archivio Pivano delle registrazioni realizzate in quelle occasioni: Nanda infatti non si allontanava mai da casa senza avere con sé un piccolo registratore giapponese, dei nastri su cui incidere e le batterie. Un modo per prendere nota di tutto, paesaggi, incontri, dialoghi, riflessioni e ricordi. Appunti carichi d’ironia e di meraviglia, l’ironia di una mente che ha sprovincializzato l’Italia e la meraviglia di chi ha scoperto luoghi che in quegli anni pochi potevano dire di aver visitato. In queste pagine rivivono il suo spirito, il desiderio di conoscere artisti e popoli lontani, gli incontri con i tanto amati autori americani: un sorprendente diario vocale depositato sulla carta.

“Nanda era una viaggiatrice ad alta voce. Viaggiava e registrava su nastro tutto quello che vedeva nel momento in cui lo vedeva. Il risultato sono cartoline fatte di parole e sensazioni filtrate dal suo cuore on the road.” La Pina, dall’introduzione

Pagine 288
Euro 18,00

A cura di Enrico Rotelli

~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~

I due gentiluomini di Altona di Lisa Henry & J.A. Rock

Male, sei scatenato

La settimana dell’Agente Speciale Ryan “Mac” McGuinness si sta rivelando pessima. Non solo ha cominciato una nuova dieta, ma è anche stato incaricato di mantenere in vita tale Henry Page, il testimone più insopportabile del mondo.
Lavoro difficile considerato che Mac è a tanto così dall’uccidere lui stesso Henry e le sue citazioni Shakespeariane, le sue disquisizioni etiche e la sua ossessione per le uova.
A meno che ‘ucciderlo’ non sia esattamente ciò che ha in mente di fargli…

Il truffatore Henry Page preferisce tenersi alla larga dalla legge… anche se non gli dispiacerebbe affatto avvicinarsi un po’ di più al rigido e affascinante Agente McGuinness. Come unico testimone di un delitto di mafia, Henry è di grande valore per l’FBI, se non fosse che i suoi programmi non includono il testimoniare.

La comparsa di una talpa negli uffici dell’FBI costringerà Mac e Henry a nascondersi. Rinchiusi in uno chalet, resteranno sorpresi nello scoprire che c’è altro tra loro oltre alla semplice attrazione.
Ma la mafia si avvicina e Henry dovrà fuggire. A Mac toccherà capire quanto è disposto a rischiare per tenerlo accanto a sé.

Pagine 200
Euro 4,49 Ebook

Traduzione: Mariangela Noto