In libreria: 28 agosto

28 AGOSTO

Lo spazio dei sogni di David Lynch & Kristine McKenna

«Il secondo dopoguerra era un periodo perfetto per essere bambini negli Stati Uniti. All’epoca, pur essendo la capitale dell’Idaho, Boise manteneva un clima da cittadina di provincia, dove i figli della classe media godevano di libertà oggi inimmaginabili» scrive Kristine McKenna a proposito dell’infanzia e della città natale di David Lynch. Il quale, da parte sua, conferma ma aggiunge: «Quando giravo in bici la sera, al buio, da certe case provenivano luci calde, accoglienti. In altre le luci erano basse. Ecco, io avevo la sensazione che dentro quelle case non succedessero cose belle».

Questo doppio registro narrativo – da un lato le oltre cento testimonianze di parenti, amici, attori, produttori, sceneggiatori e collaboratori che hanno lavorato con lui e che parlano unanimemente di Lynch come di una persona dolce e affabile e di un cineasta geniale, dall’altro la viva voce del protagonista che rivisita, talora con occhi diversi, gli stessi episodi e le stesse esperienze – è il tratto saliente di una biografia-autobiografia che, nel raccontare la vita del grande regista americano, offre una formidabile chiave d’accesso ai segreti della sua poetica e della sua creatività.

Il flusso corale di ricordi, sentimenti e riflessioni, reso in un linguaggio colloquiale che ne esalta la spontaneità, chiarisce la natura di quello sguardo eccentrico e visionario che guida in modo coerente la cinematografia di Lynch, lungo una sequenza di titoli dal successo alterno ma tutti capaci di sferzare la fantasia e smuovere l’inconscio dello spettatore: da Eraserhead (1977) a The Elephant Man (1980), da Velluto blu (1986) alla saga tv di Twin Peaks (1990), da Cuore selvaggio (1990) a Mulholland Drive(2001).

Ampio spazio è dedicato anche al talentuoso e vulcanico eclettismo del Lynch non regista. Che dipinge, una passione coltivata fin da ragazzo e mai abbandonata, con mostre in alcune delle più importanti gallerie del mondo; pratica la Meditazione Trascendentale; suona e compone musica; costruisce con le proprie mani oggetti, mobili e scenografie; e ha dato il proprio nome a una fondazione che promuove l’educazione infantile basata sullo sviluppo della coscienza.

Di questo corposo racconto, Lynch dice che ha appena scalfito la superficie delle cose. Eppure il ritratto dell’uomo e dell’artista che ne emerge è così penetrante da rendere difficile credere che vi si possa aggiungere qualcosa di essenziale.

Pagine 563
Euro 25,00

Traduzione: Luca Fusari & Sara Prencipe

~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~

I giorni segreti dell’Imperatore di Guido Sgardoli & Sebastiano Ruiz Mignone

Dicono che c’è un vento che sospinge ognuno di noi verso la sua vita, simile a un veliero sulle onde.

Ci si può opporre o lasciare che ci guidi.

Dipende solo da noi.

Io avevo scelto di seguirlo, di andare avanti, di cambiare.

 

Pagine 400
Euro 17,00

~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~ ○ ~

La voce delle ombre di Frances Hardinge

Dall’autrice de L’albero delle bugie vincitore del Costa Book Award

In una notte cupa e fredda, Makepeace viene costretta a dormire nella gelida cappella di un cimitero: lì nessuno potrà sentirla gridare terrorizzata nel sonno. Perché lei è molto diversa dalle ragazze che, nell’Inghilterra della metà del Seicento, vivono nel suo villaggio. Makepeace ha un dono, che è anche una maledizione: può accogliere gli spiriti dei morti che vagano alla ricerca di un nuovo corpo. E una sera, per la prima volta, è il fantasma di un orso a trovare rifugio dentro di lei.

Quando intorno scoppia la guerra civile e Makepeace viene rapita da una famiglia nobile e misteriosa, l’orso diventa l’unico amico di cui può fidarsi. Insieme potrebbero cambiare le sorti del conflitto. Ma altri spiriti malvagi e potenti vorrebbero piegarla alla loro crudele volontà, per annientare il re e sconvolgere tutta l’Inghilterra…

A volte credo che noi fantasmi non siamo che… ricordi.
Echi. Imitazioni.
Sì, pensiamo, proviamo cose.
Abbiamo rimorsi e rimpianti del passato e temiamo il futuro.
Ma siamo davvero le persone che crediamo di essere?

Pagine 429
Euro 17,00

Traduzione: Giuseppe Iacobaci

La scelta di uccidere di Andrew Peterson

Un uomo senza scrupoli e una ragazzina da proteggere. Una missione rischiosa e un segreto da scoprire insieme

Nathan McBride sta vedendo un film sul divano di casa quando riceve un messaggio sul cellulare. È un codice militare segreto che solo poche persone, oltre a lui, conoscono. Significa “situazione critica”. Chi scrive ha bisogno di aiuto. Dice di chiamarsi Lauren, e di essere stata rapita.

Per rintracciarla, Nathan finirà in un vortice di eventi imprevisti e rischiosi, che metteranno a repentaglio la sua vita e faranno riemergere fantasmi e misteri del passato. Cosa si nasconde dietro quel rapimento e chi è davvero Lauren? Una semplice ragazzina di dodici anni che racconta bugie? In quale spaventoso guaio lo sta cacciando?

Nell’arco di una notte e di un giorno, tra conflitti a fuoco e inseguimenti, Nathan si mette sulle tracce di una banda di spietati mercenari pronti a tutto. Il suo istinto di Marine, abituato alle prove più dure, gli suggerisce di andare fino in fondo a questa storia. A lui interessa solo la verità.

Pagine –
Euro 9,99

Traduzione: Marco Zonetti