“Caldo come il fuoco” di Jennifer L. Armentrout

Trama:

Il primo bacio potrebbe essere l’ultimo…

Metà demone e metà gargoyle, Layla ha poteri che nessun altro possiede e per questo i Guardiani, la razza incaricata di difendere l’umanità dalle creature infernali, l’hanno accolta tra di loro pur diffidando della sua vera natura. Ma la cosa peggiore, un’autentica condanna, è che le basta un bacio per uccidere qualunque creatura abbia un’anima. Compreso Zayne, il ragazzo con cui è cresciuta e di cui è innamorata da sempre. Poi nella sua vita compare Roth, e all’improvviso tutto cambia. Bello, sexy, trasgressivo, è un demone come lei, e non avendo anima potrebbe baciarlo senza fargli alcun male. Layla sa che dovrebbe stargli lontana, che frequentarlo potrebbe essere molto pericoloso. Ma quando scopre fino a che punto, tutto a un tratto baciarlo sembra ben poca cosa in confronto alla minaccia che incombe sul mondo.

 

Recensione:

«Non posso baciare nessuno. Sai com’è, succhiare le anime rende la cosa un po’ complicata.»
«Non se baci qualcuno che l’anima non ce l’ha.»
Ci rimasi di sasso. «E perché dovrei baciare qualcuno che non ha…»
Lui si mosse incredibilmente in fretta. Non ebbi nemmeno il tempo di reagire. Un secondo prima Roth era a più di un metro da me e un secondo dopo le sue mani mi accarezzavano con dolcezza le guance. Ci fu un istante in cui mi chiesi come un essere così forte e letale potesse stringerne un altro con tanta delicatezza, ma poi lui mi fece sollevare la testa e abbassò la propria. Il battito del mio cuore scattò in modalità turbo. No, non stava per baciarmi. Non era possibile…
Roth mi baciò.

[…]Quel bacio… era esattamente ciò che mi aspettavo da un bacio e anche di più. Sublime. Esplosivo. Il mio cuore palpitò come una farfalla impazzita, scosso da un desiderio così intenso che dardi di puro terrore mi scoccarono nelle vene.

“Vedi” mormorò lui con voce roca, lasciandomi mentre le sue dita mi accarezzavano le guance, “la tua vita non è ciò che non puoi fare. E’ ciò che puoi.”

 

Layla è un mezzo demone-guardiano, vive nel quartier generale dei gaurdiani che, da quando si sono manifestati al mondo, l’hanno accolta nella loro casa. Il suo lato demoniaco le fornisce la capacità di risucchiare le anime delle persone attraverso un bacio e soffre molto per questo suo lato malvagio che la fa sentire diversa ed emarginata.

Nonostante questo, riesce rendersi utile individuando i demoni e con un solo tocco e marchiandoli, in modo che al crepuscolo, quando i guardiani si svegliano ed escono a caccia, possano individuare con più facilità i loro nemici. Tra i guardiani che abitano con lei c’è il migliore amico di sempre, Zayne, di cui è anche segretamente innamorata.

La vita di Layla procede normalmente tra la scuola, i compiti, gli amici e i marchi, ma una sera rimane intrappolata in un vicolo con un demone molto più potente di quanto pensasse e la situazione precipita, finchè non arriva in suo soccorso l’affascinante demone Roth.

Da questo momento la situazione precipita, perchè Layla è molto più importante di quanto lei stessa crede e ora la caccia è iniziata. Roth, nonostante sia un demone, è davvero dalla sua parte?

Un sentimento indefinito li lega e Layla capirà che non tutto si può dividere tra bene e male, spesso chi rappresenta il bene è corrotto e chi rappresenta il male.. può essere la tua unica salvezza.

 

Che dire? J.L.Armentrout non delude mai, è un dato di fatto.

Con la sua sapiente penna ha costrutito una storia avvincente, frizzante e irresistibile! Con uno stile scorrevole e la narrazione in prima persona, l’autrice coinvolge il lettore sin dalle prime pagine.

La caratterizzazione è, come sempre, ponderata e adatta al romanzo: Layla è una ragazza divisa tra due mondi, vorrebbe solo far parte della famiglia che l’ha cresciuta e non stare così male per il desiderio di impossessarsi delle anime più pure, malvagie o buone che siano; Roth, invece, è il tipico personaggio maschile che sappiamo l’autrice sembra amare: irriverente, arrogante, pieno di tormenti, bellissimo e coraggioso.
Il demone, ben presto, diventa una persona importante per Layla. Accanto a lui, non si sente giudicata, ma amata e accettata.

Roth, inoltre, è un demone diverso da come lo avremmo immaginato: fa giardinaggio, ha per famiglio un serpente di nome Bambi, che rappresenta tutto tranne la tenerezza del Bambi della Disney, e tre dolci gattini, veri e propri Segugi Infernali, che scorrazzano nel suo appartamento, Furia, Nitro e Thor.

“Cosa? Hai dato dei nomi del genere a questi adorabili gattini, e hai scelto Bambi per un serpente gigante?”
Lui si sporse in avanti, sfiorandomi una spalla con le labbra. Fu così rapido che mi venne il dubbio che non l’avesse fatto davvero. “C’è della dolcezza nella malvagità” disse. “E, ricorda, l’aspetto può ingannare.”

 

Caldo come il fuoco” ha tutti i requisiti per essere uno dei migliori urban fantasy che io abbia mai letto! Tensione, ironia e amore. Non vedo l’ora di leggere il prossimo!

 

☆☆☆