Blog Tour “Golden Son” di Pierce Brown ~ Casa Minerva: Focus on

.

Buongiorno cupcakes, 

avete letto la mia recensione di Golden Son?

Oggi vi presento Casa Minerva e i suoi cadetti! 

 

Trama:

Come la sua gente, i Rossi, Darrow è stato un minatore costretto a scavare nelle profondità del pianeta Marte a temperature intollerabili. Per dare una nuova terra alle future generazioni, credeva lui. Ma la Società che serviva l’ha tradito, nella maniera più crudele. Gli ha portato via la sua innamorata, Eo, e si è rivelata per quello che è, una casta di privilegiati che vivono di bugie e sopraffazioni. La decisione più difficile e pericolosa è ora alla sua portata: infiltrarsi tra gli Oro e diventare uno di loro, per riscattare il sacrificio di Eo e dei suoi, per portare il proprio popolo alla liberazione. “Golden Son” è il secondo volume della saga.

 

Scopriamo Casa Minerva nel primo romanzo della serie – “Red Rising” – quando il nostro protagonista Darrow entra nell’Istituto.

L’istituto è una scuola d’élite in cui sono ammessi solo i migliori Oro, scelti molto attentamente attraverso test fisici e mentali. Il numero degli studenti ammessi viene successivamente dimezzato durante il “Passaggio“: una pratica sanguinaria in cui due studenti si trovano a combattere l’uno contro l’altro per la vittoria – o ti arrendi o muori.

Durante il suo anno presso l’Istituto Darrow si scontra contro Casa Minerva e principalmente contro Pax au Telemanus e Virginia au Augustus, alias Mustang. Dopo una serie di duri combattimenti, Darrow si allea con Mustang e, a sua volta, con il gigante Pax e questa alleanza gli salverà la vita in più occasioni.

E’ affascinante quanto Casa Minerva sia agli antipodi rispetto a Casa Marte: i cadetti di Minerva sono intelligenti, ben organizzati ed equilibrati; il mix giusto per fare andare in bestia il collerico Darrow.

Ma che bella sala che hanno. Molto più carina di quella di Marte.
Sfascio tutto.
E quando ho rovinato la loro mappa e ho finito di sfigurare la statua di Minerva, uso l’ascia che ho trovato per incidere a fendenti il nome di Marte sul loro lungo tavolo militare. Sono tentato di incidere il nome di un’altra Casa sui rottami per confonderli, ma voglio che sappiano chi ha fatto questo. Questa Casa è troppo unita, troppo ordinata ed equilibrata. Hanno un capo, incursori, sentinelle (ingenue), cuochi, ulivi, latte caldo, picche a stordimento, cavalli, miele, strategia.
I Minerva. Sbirri orgogliosi. Lasciamo che si sentano un po’ come Casa Marte. Lasciamogli provare la rabbia. Il caos.

Virginia au Augustus ~ Mustang

Una ragazza su un cavallo mustang pezzato ci osserva dalla sommità del crepaccio. Porta una lunga sbarra coperta legata alla sella. Non riesco a capire la sua Casa, ma l’ho già vista. La ricordo come fosse ieri. La ragazza che mi ha chiamato “Pixie” quando caddi dal pony su cui mi aveva messo Matteo.
La ragazza cavalca a una distanza di dieci metri, ma ha i sigilli su maniche e collo coperti da due tratti di tessuto rammendato. Il suo viso è dipinto con tre linee diagonali di succo di mirtillo mescolate a grasso animale.

Virginia è figlia di Nerone au Augustus, ArciGovernatore di Marte e capo di Casa Augustus. E’ anche la sorella gemella di Adrio au Augustus, lo Sciacallo: un personaggio davvero controverso, sociopatico e molto negativo. Virginia è conosciuta per la sua intelligenza sopra la media e la sua astuzia anche in ambito politico.
Viene soprannominata “Mustang” proprio da Darrow quando la vede in sella al suo cavallo.

E’ uno dei pochi personaggi della serie a guardare oltre il suo status di Oro e per questo è ammirevole perché il suo bisogno di giustizia è molto forte come possiamo notare in “Red Rising” durante la presa di Casa Marte e in “Golden Son” durante le battaglie che Darrow e la famiglia Augustus dovranno affrontare. 

Non ci aveva mai pensato prima. Riesco a vedere che vuole andarsene. È il suo senso di giustizia a tormentarla. In qualche modo pensa che dovremmo pagarla, che i Censori dovrebbero scendere e intervenire. La maggior parte dei ragazzi la pensa così sul gioco; maledizione, Cassio l’avrà detto un centinaio di volte mentre esploravamo insieme. Ma il gioco non è così, perché la vita non è così. Gli dèi non scendono a contenere l’ingiustizia. Sono i potenti a farlo. Ecco cosa ci stanno insegnando, non solo la sofferenza nel conquistare il potere, ma la disperazione che consegue a non possederlo, la disperazione che deriva dal non essere un Oro.

Pax au Telemanus

Pax au Telemanus è il figlio di Kavax au Telemanus e fratello di Daxo au Telemanus (personaggi che conosceremo in “Golden Son“).
Pax è un personaggio molto bello: è fortissimo, un grosso ammasso di muscoli, lealtà e generosità. E’ il grande protettore di Casa Minerva e quando si alleano con Darrow, i due diventano ben presto amici fraterni. Alla fine di “Red Rising“, Pax viene ucciso dallo Sciacallo nel tentativo di salvare la vita di Darrow, che si sentirà sempre in colpa per la morte del suo amico.

Accenna al ragazzo mostruoso dietro di lei. Pax ha i capelli rozzamente tagliati corti, gli occhi piccoli, il mento come un tallone bitorzoluto. Sotto di lui, il cavallo pare un cane. Le braccia nude sono carne tesa su ammassi rocciosi. 
[…]
Una montagna lo scosta via e mi corre incontro. Pax. Nell’eventualità che io sia un idiota, mi ruggisce ancora il suo nome. I suoi genitori devono averlo allevato a guidare squadre d’arrembaggio Ossidiana negli scafi spaziali. «Pax au Telemanus!» Si batte la picca gigantesca contro il petto e colpisce così forte il povero Buffone da farlo volare quattro metri indietro. «Pax au Telemanus!»

(Daxo e Pax)

 

Siamo alla fine del nostro Focus On:

spero vi sia piaciuto e vi ricordo di visitare anche le altre tappe!

 

Su Bookish Advisor ~ Red Rising Recap

Su Everpop ~ Intervista al traduttore

Tutti ❤ ~ Recensione Golden Son

Su L’ennesimo Book Blog ~ Casa Marte: Focus On

Qui!  ❤ ~ Casa Minerva: Focus On

Su Emozioni di una musa ~ Casa Plutone: Focus On

Su Honey, There are never enough books ~ Dal Mito al Romanzo